0 9 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


A settembre, l’Università della California (“UC”) ha imposto richiami COVID-19 bivalenti per l’anno accademico 2022-2023 per tutti i docenti, il personale e gli studenti, spostando di fatto la sua politica da completamente vaccinati ad aggiornati e suggerendo che i booster saranno richiesti per sempre. Noi sottoscritti, undici membri della facoltà dell’UC provenienti da diversi campus, abbiamo inviato la seguente lettera agli amministratori universitari chiedendo loro di revocare questo nuovo mandato. Ad oggi non abbiamo ricevuto risposta. Inoltre, abbiamo inviato la lettera a nove giornali studenteschi della UC per la pubblicazione come Op-Ed. I redattori di Op-Ed di due di questi giornali, il Daily Bruin (UCLA) e il Daily Cal (UC-Berkeley) hanno inizialmente accettato con entusiasmo di pubblicare la lettera. Tuttavia, successivamente hanno ritirato la loro decisione di pubblicare, presumiamo di fronte alle pressioni dall’alto per censurarci.

Scriviamo per registrare il profondo sgomento per il memorandum della UC del 22 settembre 2022 che impone un richiamo COVID-19 dell’autunno 2022 per tutti gli studenti, il personale e la facoltà. Le nostre preoccupazioni sono guidate dalle informazioni scientifiche sul virus e sui vaccini che abbiamo accumulato a quasi tre anni dall’inizio dell’epidemia.

Le nostre preoccupazioni in breve:

In primo luogo, l’Ufficio del Presidente dell’Università della California ha giustificato il mandato originale partendo dal presupposto che la vaccinazione avrebbe protetto dall’infezione da COVID-19 e impedito la trasmissione. Ora sappiamo che non fa né l’uno né l’altro, un fatto riconosciuto dal CDC, dalla FDA, dall’HHS, dall’OMS, dai ministeri della salute e dai ricercatori medici di tutto il mondo, e ora, dalla stessa Pfizer. Inoltre, più di 150 studi peer-reviewed lo dimostrano immunità naturale acquisito recuperando da un’infezione da COVID-19 è uguale se non superiore alla vaccinazione, e che paradossalmente, nel tempo, i colpi di COVID-19 aumento piuttosto che diminuireil rischio di contrarre e diffondere il virus. Un articolo del maggio 2022 ad alto impatto Giornale medico britannico ha avvertito che “le politiche obbligatorie sui vaccini sono scientificamente discutibili e possono causare più danni alla società che benefici”. Il CDC ha “raccomandato” e non ha imposto il nuovo booster. La decisione dell’Università di mandato booster in questo momento è quindi non secondo le linee guida CDC. Inoltre, il CDC ha recentemente notevolmente allentato le sue linee guida sul COVI-19 e non raccomanda più di fare distinzioni basate sullo stato di vaccinazione di una persona.

In secondo luogo, prove crescenti lo dimostrano gravi rischi associato alla vaccinazione, in particolare per i maschi sani di età compresa tra 18 e 39 anni, dove i rischi possono superare i benefici. Una Florida Analisi del Dipartimento della Salute della mortalità in seguito alla vaccinazione con mRNA COVID-19, per citare uno studio, ha riportato un aumento dell’84% della mortalità per gli uomini di età compresa tra 18 e 39 anni entro 28 giorni dalla vaccinazione. Inoltre, è ben documentato l’elevato rischio di miocardite, pericardite ed eventi cardiovascolari di emergenza tra gli under 40, una fascia demografica che include la stragrande maggioranza del nostro corpo studentesco e ampie porzioni di personale e docenti. Lo studio della Florida ha anche mostrato che i maschi di età superiore ai 60 anni avevano un aumento del 10% del rischio di morte per cause cardiache nello stesso periodo di 28 giorni e che i vaccini non mRNA non presentavano tali rischi aumentati in nessuna popolazione. Diverse fonti di dati mostrano che i giovani sani che contraggono il COVID-19 hanno un tasso di guarigione del 99,995%.

Nel marzo 2022, un’ingiunzione del tribunale ha costretto Pfizer a pubblicare 55.000 pagine di rapporti interni sull’efficacia del vaccino e sugli effetti collaterali. Tra i 1.246 diversi effetti avversi nei documenti di Pfizer c’erano arresto cardiaco, trombosi venosa profonda, epatite immuno-mediata, miocardite, embolia e trombosi del tronco cerebrale, malattia polmonare interstiziale, epilessia mioclonica giovanile, danno epatico e sindrome infiammatoria multisistemica. Altro studia da ricercatori medici, tra cui uno dei nostri colleghi dell’UCSF, ha scoperto che 22.000-30.000 adulti precedentemente non infetti di età compresa tra 18 e 29 anni devono essere potenziati con un vaccino a mRNA per prevenire solo uno Ricovero in ospedale per COVID-19 e che “i mandati di richiamo possono causare un danno netto atteso: per ricovero in ospedale COVID-19 prevenuto in giovani adulti precedentemente non infetti, prevediamo da 18 a 98 eventi avversi gravi, inclusi da 1,7 a 3,0 casi di miocardite associata al richiamo nei maschi, e da 1.373 a 3.234 casi di reattogenicità di grado ≥3.

I dati del VAERS (Vaccine Adverse Events Reporting System) ufficiale del CDC, pubblicato il 15 luglio 2022, mostrano 1.350.950 segnalazioni di eventi avversi per tutte le fasce d’età a seguito dei vaccini COVID-19, inclusi 29.635 decessi e 246.676 feriti gravi. È ben documentato che meno dell’1% di tutti gli eventi avversi associati al vaccino viene mai segnalato al VAERS del CDC. Ciò significa che la morbilità o mortalità effettiva è molte volte maggiore, come sottolineato, tra le altre fonti, da un recente studio sulle lesioni da vaccino della Harvard Medical School finanziato dall’HHS. Un altro studio pubblicato dai professori dell’UCLA Sander Greenland e Patrick Whelan e altri sulla rivista ad alto impatto Vaccino a settembre 2022 ha lamentato la mancanza di “piena trasparenza dei dati della sperimentazione clinica del vaccino COVID-19” e ha chiesto un’analisi del rapporto danni-benefici dei vaccini.

In terzo luogo, mentre non siamo contrari alla vaccinazione per coloro che l’hanno scelta, siamo profondamente preoccupati per la natura coercitiva di questa procedura medica. Qualsiasi trattamento medico deve essere una scelta individuale e deve essere effettuata in consultazione con il proprio medico. Mai prima d’ora nella storia della medicina è stato richiesto a un’intera popolazione di ricevere un vaccino approvato solo per uso di emergenza, per i quali non esistono dati a lungo termine, e senza consenso informato, che, per una questione di legge ed etica, richiede che nessuno sia costretto a un trattamento medico. Il cambiamento nella politica UC da completamente vaccinato a aggiornato segnala l’anticipazione di un processo aperto di continue vaccinazioni e richiami che va ben oltre l’affrontare un’emergenza temporanea.

Il LAUSD (tra gli altri) ha sospeso il suo mandato di vaccinazione per gli studenti (ma non il personale) nel settembre 2022, dopo che un giudice della Corte Superiore ha stabilito che il distretto scolastico non aveva l’autorità per imporre la vaccinazione. Lo Stato della California non ha imposto richiami per nessuno tranne che per gli operatori sanitari. A livello nazionale, la tendenza è verso l’eliminazione di tutti i mandati. Il tasso di ricoveri è drasticamente diminuito e i decessi correlati a COVID-19 ora sembrano essere quasi alla pari con i decessi annuali per influenza. Al contrario, l'”eccesso”, le morti improvvise, inaspettate e inspiegabili alle stelle dal lancio dei vaccini sperimentali. Anche Bill Gates, che ha contribuito a finanziare e promuovere la campagna di vaccinazione contro il COVID-19, lo ha fatto ora riconosciuto: “Non abbiamo capito che è un tasso di mortalità abbastanza basso e che è una malattia che colpisce principalmente gli anziani, un po’ come l’influenza.

Se la leadership dell’UC continua a insistere su questa azione sconsiderata, sono pronti ad accettare la piena responsabilità personale e responsabilità legale per la moltitudine di danni che sicuramente ne deriveranno?

Carole H.Browner
Professore di Psichiatria e Scienze Biocomportamentali
Università della California, Los Angeles

Guglielmo I. Robinson
Illustre Professore di Sociologia
Università della California, Santa Barbara

Roberto Forte
Professore Associato di Black Studies
Università della California, Santa Barbara

Arvind Thomas
Professore associato di inglese
Università della California, Los Angeles

Anton Van Der Ven
Professore di Ingegneria
Università della California, Santa Barbara

Hugo Loaciga
Professore di Geografia
Università della California, Santa Barbara

Aaron Kheriaty, MD
Ex Professore, Facoltà di Medicina
Ex direttore del programma di etica medica
Università della California, Irvine

Gabriel Vorobiof
Professore Associato di Medicina
Università della California, Los Angeles

Lazlo Boros
Assistant Adjunct Professor di Pediatria, Endocrinologia e Metabolismo (in pensione)
Università della California, Los Angeles

Patrick Welan
Professore Associato Clinico di Pediatria
Università della California, Los Angeles

Dr. Aditi Bhargava, Ob/Gyn, Scienze della riproduzione
Professore Emerito, Facoltà di Medicina
Università della California, San Francisco




Source link

Lascia un commento

Leggi anche